Skip to content
16 luglio 2010 / librobianco

Guascone


AMORE 


               Qual visione di celestiale immagine
               nel vedervi intenta
               a sorvegliar lo reame vostro.
               Fermato lo cavallo
               alli ferri dello maniero,
               serrate le briglie
               smonto dal destriero
               e con fare guascone,
               degno della mia origine,
               volgo l’occhio mio a te
               bella pulzella,dalle guance rosee
               e dal contorno leggiadro

               Seppur timoroso
               per la mia estraneità
               al posto e alla plebe
               rivolgo a te
               il suon delle mie labbra…

             “O dolce
                vuoi degnarmi
                di uniche e sinuose parole
                colme della dolcezza
                che esprimi
                dallo core tuo?

                Orsù
                manda sulle ali del vento
                la tua armoniosa voce
                per far sì ch'io mi inebri di tal canto
                prima che lo cavallo imbizzarisca
                allo peggior modo dello padrone suo,
                io medesimo”

                                                  Oh guascone adorato
                                                  le fiamme che in me scatenate,
                                                  son 'sì difficli da spegnere 
                                                  che io vorrei esser vostra.
                                                  unir le mani mie al vostro viso
                                                  e di dolci carezze colmarlo.
                                                  Ma mi è avverso il fato,
                                                  destinata sono, fin da infante,
                                                  al grande possidente delle terre
                                                  confinanti quelle dei mie avi.

                "O dama dei miei sogni
                 or che ti ho vista non potrei
                 lasciar senza voi questo posto,
                 il celeste dei vostri occhi
                 e il canto da me bramato
                 Come potete esser
                 sposa promessa senza amore,
                 datemi del tiranno lo nome
                 e lo mio corpo lancerò in frenetica corsa
                 per lo feudo dello signorotto
                 sfidandolo a singola tenzone
                 e riscattar cosi il vostro cuore."

                                                  Dolce mio guascone,
                                                  non dite parole 'sì ardite
                                                  che lo core mio feriscono
                                                  facendolo soffrir al sol pensiero,
                                                  che l'amor per me provato,
                                                  la vita vostra possa metter in pericolo
                                                  in singolar tenzone
                                                  Forzate cuore e mente,
                                                  guidate altrove il destriero vostro
                                                  e andate per lo vostro sentiero
                                                  in cerca dell'amor che meritate.

                 "Gentil donzella scendete,
                   dimenticate l’iniqua promessa
                   prestatemi l’onore di essere
                   vostro cielo nei giorni a venire
                   rugiada sulle vostre guance
                   per tutti i mattini
                   che iddio accenderà.
                   Scendete ora."

                                                   Come resister io potrei
                                                   a 'sì dolce favella.
                                                   Guascone mio, le vostre promesse
                                                   alimentato hanno ancor di più lo core mio,
                                                   donandomi il coraggio 
                                                   di scioglier le catene
                                                   create da chi non m'ama veramente
                                                   Tornate meco alla prossima luna,
                                                   soffermatevi alle finestre mie
                                                   e con la forza dell'amore
                                                   sarò per sempre vostra.
                                                   Mi concedete questo?

                    "A riverirla gentil donzella
                     Vi è concesso
                     di ridisegnar lo mondo intiero,
                     le mie forze sono vostre
                     li desideri vostri son già miei.
                     Pirma che l'ultimo sole abbia fatto posta alla luna
                     sarò nei pressi dello core vostro
                     e mai nulla come nessun tempo avverso,
                     mi trascinerà al di là,
                     della vista dello core vostro,
                     per l'eternità intiera
."

  Franco Luis   e Patrizia Mezzogori

(immagine dal web)

Annunci

2 commenti

  1. francoluis / Lug 16 2010 11:09 PM

    Per una persona semplice che scrive per puro piacere di scrivere,essere invitato su questo spazio pieno di arte e cultura e davvero importante.Scrivere aiuta a vivere e conoscere altre penne aiuta a guardare più lontano.Ma no sono solo penne sono strade tracciate che non si perderanno mai,perchè tutto cio che si scrive resta nell'anima e nel cuore.Grazie patrizia per questo.francoluis

  2. librobianco / Lug 17 2010 12:05 PM

    Sono io che ringrazio te per avermi dato la possibilità di partecipare attivamente ad una tua poesia. Ciao, Pat

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: