Skip to content
7 aprile 2011 / librobianco

Aspetterò il sole

.. 
Ho buttato nel greto di un fiume
le antiche mie ali della salvezza. 
Eran consunte, fin troppo pesanti 
per cieli che ora sono severi
 …                                     
In questa cruenta realtà 
le nuvole nere e rabbiose
han tolto speranza al tuo volo 
di pace e dolcezza sognato 
Ma, io, non amavo la vita? 
Le forme, i colori, i dritti e i rovesci 
che, me consenziente, lei stabiliva? 
Dio, come si cambia… 
La nostra natura ci porta a sperare 
e nel cambiamento dover camminare. 
riprendi le ali che inzuppate ora sono 
e lasciale al sole per farle asciugare 
Ascolto la voce di chi mi vuol bene, 
ripesco le ali e all’istante le indosso. 
Mi piego, mi sdraio sulla riva del fiume
e, dopo un suo bacio, aspetterò il sole
©  Aurelio Zucchi e Patrizia Mezzogori

(giugno 2009 )

(nell’immagine Sounara di Nick Andrew)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: