Skip to content
6 giugno 2012 / librobianco

Un rombo sordo…

Un rombo sordo avanza lento
come tuono che arriva da lontano,
misterioso e sinistro racchiude distruzione
e come mostro bramoso e affamato
ghermisce le sue prede.

Case, palazzi, persone,
nulla e nessuno è più al sicuro.
Tutto trema e si sbriciola,
la terra si apre inghiottendo ogni cosa
la polvere rende difficile respirare,

mentre la sventura si abbatte inesorabile
su tutto ciò che è inerme,
sul sonno interrotto bruscamente,
su sogni che svaniscono all’istante
e grida di terrore che squarciano la notte.

Un nuovo giorno nasce su lacrime
che segnano volti attoniti e spauriti
di coloro che vagano nel vuoto
con la paura di sentire ancora
la terra che torna a tremare.

Ma racchiusa nel cuore resta forte
la volontà di non di non lasciarsi andare
mentre s’innalza al cielo la speranza
di sentire le campane che torneranno
come una volta a suonare.

 

© Patrizia Mezzogori

06/06/2012

Annunci

6 commenti

  1. Rebecca o semplicemente Pif / Giu 6 2012 2:51 PM

    Molto bella … la speranza e l’unica cosa che ha ora questa gente.. dopo ogni tempesta tornerà il sole… Pif

    • Patrizia M. / Giu 6 2012 6:00 PM

      Speriamo che il sole ritorni presto per tutte queste persone
      Ciao, Pat

  2. arthur / Giu 6 2012 7:47 PM

    Non può non tornare il sole.
    (…)

  3. Claudio's / Giu 7 2012 4:19 PM

    Il Tuo cuore non poteva non trovare versi più belli!!!
    Grazie per tutti loro PAT ♥
    Un abbraccio
    C.

    • Patrizia M. / Giu 7 2012 4:37 PM

      Grazie a te Claudio
      Un abbraccio, Pat

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: