Skip to content
1 settembre 2012 / librobianco

Sei dove il sole tramonta…

Sei dove il sole tramonta,
così lontano e smarrito in quel nulla
che vaga invano e trova fine solo
nella tristezza delle crepe nate in un muro
d’una casa abbandonata tra le erbe incolte
e le stoppie di grano selvatico.

Sei dove la luna non splende,
maschera buia di un volto celato
e indurito dall’ira inclemente
che accompagna ogni minuto
d’una vita scandita dal sordo eco
che accompagna una tempesta di tuoni.

Sei dove il vuoto riempie ogni istante
e solo un aborto nasce dal grembo
di una mente che giorno dopo giorno
rivive il passato racchiuso in una tomba
costruita con le ossa di chi inconsapevole
è caduto nella buca trovata sulla tua strada.

Sei come stelle simili a chiodi appuntiti
gettati lungo il cammino di quell’infelicità
cercata ed inseguita come meta agognata
e concimata con il male alimentato dal fuoco
della tua follia che vaga in nessun dove
e riposa in un letto d’ombra.

 

Patrizia Mezzogori

29 agosto 2012

Annunci

14 commenti

  1. semprevento / Set 1 2012 10:04 PM

    …troppo struggente per commentarla.
    E’ stupenda…
    Sei una creatura più sensibile di quanto pensassi…molto di più.
    Ti abbraccio
    vento

    • Patrizia M. / Set 1 2012 10:51 PM

      Mah che dirti, nonostante quello che molti dicono oppure hanno detto di me, forse lo sono anche troppo sensibile, a volte vorrei essere più menefreghista….
      Un abbraccione a te 🙂

      • semprevento / Set 2 2012 12:27 AM

        ..quando Sara aveva circa 4 anni, un giorno, era sabato, alla tv davano un episodio della serie “Lessy”.
        sara non aveva mai guardato la tv, non le interessava, preferiva sedersi sulle mie gambe ed ascoltare le mie storielle…ma in casa nostra la tv era un po’ come una sorta di voce a suono basso, restava accesa anche se non la guardavamo…fu così che la piccoletta fu attratta da una voce cattiva , si avvicinò alla tv e vide un uomo che bastonava il cane…lei scappò sotto al tavalo piangendo come una disperata.
        non riuscii a calmarla, se ne restò sotto il tavolo per circa un ora…io spensi subito la tv, provai a farla uscire, a spiegarle che era tutto una finzione…ma lei imperterrita rimase lì… riaccesi la tv e l’episodio staa finendo e le alzando il volume le feci sentire le voci del bambino che giocava col cane….ma un ora la passò sotto quel tavolo. lo stesso.
        beh,
        pensai tra me e me che era una strana ragazza….era il mio modo di chiamarla quando esprimeva troppa sensibilità…è rimasta così….troppo sensibile , Niente l’ha cambiata .
        e anche lei come te vorrebbe essere più menefreghista….ma non ci riesce…
        …in molte cose lei ti somiglia… 🙂

      • Patrizia M. / Set 2 2012 11:31 PM

        Dolcissima Sara, un bacione da parte mia 🙂

  2. Claudio's / Set 2 2012 2:07 AM

    Sono in sintonia con la cara Vento: “struggente”, e profondamente sensibile nel Tuo canto poetico di nostalgica malinconia d’Amore!
    Un abbraccio ♥
    Cla

    • Patrizia Mezzogori / Set 2 2012 11:27 PM

      Più che nostalgica malinconia d’amore, ammetto che qui c’è anche un po’ di rabbia Claudio
      Un abbraccio a te, Pat

  3. massimobotturi / Set 2 2012 11:02 AM

    un ritratto molto severo, ben scritto però

    ciao Patrizia

    🙂

    • Patrizia Mezzogori / Set 2 2012 11:29 PM

      Si Massimo è molto severo su questo hai perfettamente ragione, forse perché quando si sopporta troppo poi capita che lo sfogo sia molto forte.
      Ciao, Pat 🙂

  4. Vito M. / Set 3 2012 10:20 PM

    Ciao Sorellinaaaa, finalmente a casa….
    sono passato per un saluto, domani ripasso per leggere il tuo post.
    Serena notte, un abbraccio, con amicizia, Vito

    • Patrizia M. / Set 4 2012 8:32 AM

      Ciao Fratelloneeeeeeeeeeeeee, bentornato. Sei mancato veramente tantissimo, ma ora sei di nuovo tra noi
      e ne sono contenta. Un grande abbraccio e buona giornata. Pat

  5. Vito M. / Set 4 2012 10:14 PM

    Devo confessare che mi mancava leggere le tue poesie, questa la trovo splendidamente malinconica, nel senso che anche un sentimento di rabbia, quando viene dipinto ad arte, con i colori della poesia, come hai fatto magistralmente, viene declassato a velata malinconia…
    Ti auguro una serena notte, un abbraccio,con amicizia, Vito

    • Patrizia M. / Set 5 2012 8:36 AM

      Grazie di cuore per l’apprezzamento fratellone
      Buona giornata e un abbraccio a te e famiglia, Pat

  6. Renato Fedi / Set 6 2012 3:19 PM

    Ciao ragazza, ogni tanto vengo a visitarti :-))

    • Patrizia M. / Set 6 2012 3:25 PM

      E per me ogni tua visita è un grandissimo piacere 🙂

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: