Skip to content
17 ottobre 2012 / librobianco

Silenzi e menzogne…

 

Impossibile decifrare tutti i silenzi che circondano,
come filo spinato, ogni minuto della giornata
trascorso nell’attesa di una parola a spezzare
lamine infuocate che l’odio scaturito dal tuo
sguardo ha ‘sì crudelmente piantato.

Silenzi che aleggiano come fantasmi su spirali
di menzogne e scuse inventate minuto dopo minuto,
giocando con pensieri malati che celano, agli occhi
del mondo, quel tuo segreto ovattato di paure
codarde che scorrono lungo un muro scrostato.

Segreto che svelerebbe quanto è profondo quel vuoto,
che, come buco nero, ha continuamente assorbito
ogni tua energia sprecata nel costruire una facciata
di vittima innocente che cammina curva
sotto la pioggerella incessante delle tue mancanze.

E mentre ti coglie il sonno della mente, le parole
che scorrono a fiumi su pagine putride di sentimenti
mai veramente provati, svaniscono nell’oblio che
incurante hai costruito a distruzione di sogni
svaniti nel buio di un camino spento….

 

© Patrizia Mezzogori

17/10/2012

Annunci

40 commenti

  1. Rebecca Antolini Pif / Ott 17 2012 3:32 PM

    leggo ad alta voce… ma poi me lo sono letta nel silenzio.. ora me lo sto stampando sulla carta… il weekend me lo porto in montagna poi me lo leggo sotto una grande abete.. molto bella cara Patrizia, lo conservo bene.. Pif

    • Patrizia M. / Ott 17 2012 5:44 PM

      Spero solo che non ti rattristi, io la trovo un po’ forte….per me è stato come uno sfogo…
      Ciao, Pat

  2. semprevento / Ott 17 2012 3:56 PM

    … sono andata a vedere le tue foto…ho cliccato il pozzo di S. Patrizio…

    e mi son detta che tu sei profonda.e anche di più….piena di talmente tante cose…
    E’ molto bella questa poesia…e vorrei non fosse mai vera per nessuno.
    un bacio grande
    ivana

    • Patrizia M. / Ott 17 2012 5:46 PM

      Si, per poco ci casco dentro al Pozzo di San Patrizio, mi ero sporta troppo da una delle finestre per fare le foto … hihihi

      Beh che dire della poesia, è basata sul vero però…
      Bacione a te, Pat

  3. Vito M. / Ott 17 2012 4:37 PM

    Si può rimanere affascinati da una situazione che sicuramente emana riflessi scuri di tristezza, malinconia, dolore?, beh! quando è vestita da versi così belli, così come hai fatto, ci si puo anche restare ammaliati…. certo dietro c’è un cuore che soffre, o che ha sofferto e ora prova rancore, e questo dispiace, ma si ha la capacità di esternare il tutto, con con una bella poesia come questa, il tutto passa quasi in secondo piano, quasi celato dall’atmosfera creata dalle tue parole.
    Ti auguro una buon pomeriggio, con amicizia, Vito

    • Patrizia M. / Ott 17 2012 5:48 PM

      Fratellone, sei entrato nelle mie parole alla grande. Diciamo che il rancore non c’è più, anche perché il rancore non porta a nulla di buono, ma ci sono particolari che ogni tanto mi portano ancora a parlare di questa strana situazione vissuta…
      Buona serata con tanta amicizia
      Pat

  4. arthur / Ott 17 2012 5:48 PM

    Poesie che sono dei racconti ma, a dire il vero, senza sembrare tali.
    Fatta senz’altro d’impulso, ma dettata da un palpito che man mano che va avanti, si percepisce in tutta la sua potenza.

    Che dire, nulla. Le poesie sono da leggere, in silenzio, magari più volte.
    Ed io l’ho fatto e mi è bastato leggerla una volta sola.

    • Patrizia M. / Ott 17 2012 5:50 PM

      Si, penso che di poesia questa mia abbia ben poco, o almeno credo… ed è stata fatta d’impulso, verissimo…

  5. arthur / Ott 17 2012 5:53 PM

    Non ho detto che non sia una poesia, anzi, al contrario, una poesia che sa raccontare molto e soprattutto di te.
    ‘nnagg…!!! 😉

    • Patrizia M. / Ott 17 2012 5:55 PM

      Infatti sono io che lo dico…. non tu 😉

  6. massimobotturi / Ott 17 2012 6:57 PM

    il silenzio, è doloroso quando diventa metafora del vuoto, della mancanza e della menzogna

  7. Alessandra Bianchi / Ott 17 2012 10:36 PM

    Bello e terribile, cara Pat. Io lo so bene.
    Qui vorrei aggiungere che non sei solo una bravissima fotografa. Sai scrivere bene. I tuoi commenti sono sempre eccezionali. Credo che tu sia una persona davvero notevole!
    Qualcuno sosteneva che si scrive sempre per una sola persona. Forse esagerava. Però le persone non possono essere più di quattro.
    Per me, tu sei fra quelle.
    Dolce notte*

    • Patrizia M. / Ott 17 2012 10:56 PM

      Sono una persona normalissima, che si diletta di fotografia e che scribacchia le sue emozioni..
      Mi piace leggere ciò che scrivono gli altri e normalmente dare la mia interpretazione e lasciare ciò che ho sentito, quindi il merito va a chi mi da questa opportunità, come te Alessandra che scrivi benissimo e sai coinvolgere il lettore. Impossibile non sentirsi attratti dalla trama dei tuoi romanzi o dei tuoi racconti, credo che solo una persona senza emozioni ci riuscirebbe e non invidio per niente questo tipo di persone, sarebbe come vivere in un vuoto continuo.
      Grazie di cuore per le tue parole, ne sono lusingata però nello stesso tempo imbarazzata…
      Dolce notte a te e di nuovo grazie.
      Pat

  8. alanford50 / Ott 18 2012 5:56 PM

    Parole taglienti come la lama che taglia la testa al cospiratore, lama che nel suo veloce cadere rompe il silenzio ed il vuoto, un attimo di rumore poi un nuovo silenzio ed un nuovo vuoto, con la differenza che questa volta questi sono forieri di nuovi possibili attimi di vita capaci di riempire nuovamente il tempo e gli spazi della propria esistenza.
    Ciaooo neh!

    • Patrizia M. / Ott 18 2012 6:13 PM

      Eh no caro Alan, qua non ci saranno nuovi possibili attimi di vita per come la vedo io… con le menzogne non si va da nessuna parte e qui ce ne sono state troppe, ma veramente troppe…
      Ciao neh!!!

      • alanford50 / Ott 20 2012 3:41 AM

        C’è stato un piccolo fraintendimento, difatti io ho iniziato dicendo “Parole taglienti come la lama che taglia la testa al cospiratore” quindi mi riferivo decisamente ad un taglio netto, altro che ripensamenti per un eventuale futuro, ahahah, poi ho preso a riferimento le parole silenzio e vuoto come punto di rottura e di ripartenza per nuove visioni di vita, ma nulla a che fare con il cospiratore a cui è stata tagliata la testa di netto..
        Ciaooo neh!

      • Patrizia M. / Ott 21 2012 11:02 PM

        Ops, chiedo venia, ho interpretato male le tue parole..
        Ciaooo 🙂

  9. Stefano Re / Ott 26 2012 8:37 AM

    Splendore degli splendori. Complimenti.
    Stefano

    • Patrizia M. / Ott 26 2012 11:15 PM

      Grazi di cuore Stefano, mi fai arrossire…
      Ciao, Pat

  10. Walter / Ott 30 2012 10:13 PM

    Io lo leggo come un racconto, l’ immaginazione così…vola ancora più in alto. Ciao Pat.

    • Patrizia M. / Ott 31 2012 8:20 AM

      In effetti anche io non la vedo propriamente come una poesia
      Ciao Walter e grazie
      Pat

  11. gelsobianco / Nov 2 2012 11:33 PM

    Ti ho scoperta anche come scrittrice!
    Ritorno con calma!
    A prestissimo.
    gb

    • Patrizia M. / Nov 4 2012 12:44 AM

      Io preferisco definirmi “imbrattatrice di parole”, scrittrice è un po’ troppo per me 🙂
      A presto
      Pat

  12. gelsobianco / Nov 4 2012 1:35 AM

    Che importanza hanno le “defizioni”?
    A presto!
    🙂
    gb

    • Patrizia M. / Nov 4 2012 6:44 PM

      Per alcune persone una grande importanza
      A presto 🙂
      Pat

      • gelsobianco / Nov 5 2012 2:40 AM

        Per le persone non profonde!
        😉
        gb

      • Patrizia M. / Nov 5 2012 9:26 AM

        Esatto 😉
        Ciao, Pat

  13. verdefronda / Nov 4 2012 5:13 PM

    Nobilissimo sfogo liberatore scritto con parole decisamente taglienti ma prive di rabbia.
    Questo rende particolarmente bella la poesia nella sua espressività
    Un carissimo saluto
    Giorgio

    • Patrizia M. / Nov 4 2012 7:29 PM

      Grazie Giorgio, felicissima di rileggerti nel tuo blog e qui da me
      Un salutone ed un abbraccio
      Pat

  14. gelsobianco / Nov 5 2012 2:43 AM

    Il silenzio che nasconde il vuoto.
    Molto riuscito questa tuo sfogo!
    Non ha importanza se in poesia oppure in prosa…
    Ciò che conta è quello che si capta.
    Brava!
    Un abbraccio, Pat
    gb

    • Patrizia M. / Nov 5 2012 9:25 AM

      Ti ringrazio.
      Un abbraccio a te, Pat

  15. gelsobianco / Nov 5 2012 2:44 AM

    Perdona qualche refuso!
    gb

    • Patrizia M. / Nov 5 2012 9:25 AM

      Figurati, capita a tutti 🙂

  16. Rakel / Nov 11 2012 5:42 PM

    Parole ,versi come chiamar si vogliono,profonde che mettono a nudo sofferenza ed anche uno sfogo liberatorio. Complimenti Rakel

  17. Stefania / Nov 13 2012 2:59 PM

    sonno della mente.. bellisssima espressione! Bello. Ti aspetto da me.

    • Patrizia M. / Nov 15 2012 4:54 PM

      Grazie Stefania 🙂
      Arrivoooo !!!!

  18. inaltoasinistra / Nov 17 2012 11:30 PM

    Ciao Patrizia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: